Saluto delle Autorità - Gruppo Atletica Moggese a.s.d.

Vai ai contenuti

Menu principale:

Saluto delle Autorità

Campionati Italiani Corsa in Montagna Moggio 21.05.06
Francesco Arese
La Federazione ha aderito con slancio alla richiesta del Gruppo Atletica Moggese Ermolli di onorare con un grande evento il 30° anniversario del terremoto che sconvolse la regione e l’Italia intera, facendo tante vittime.
Il ricordo dell’immane tragedia si unisce a quello della forza d’animo, dell’impegno civile e della solidarietà che il Friuli Venezia Giulia dimostrò nella ricostruzione, diventando un modello per il nostro paese e per il mondo. E voglio sottolineare con orgoglio il contributo dato allora dal mondo dello sport organizzato, dalle società sportive e dall’atletica, in particolare.
L’assegnazione del Campionato Italiano Giovanile di Corsa in Montagna risponde, da una parte, alla popolarità di cui gode questa disciplina nella regione, legandosi così bene alle risorse ambientali e turistiche; d’altra parte, vuole essere un messaggio di speranza affidato alle nuove leve del nostro sport.
Credo, infatti, che nessuna parola possa esprimere meglio il nostro omaggio e la fiducia nel futuro di cui la regione ha dato e continua a dare prova, della partecipazione e della gioia di vivere di tanti ragazzi provenienti da ogni regione d’Italia.
Con questo sentimento, ringrazio anche a nome di tutta l’atletica italiana, gli amici dell’Atletica Moggese Ermolli, il Comitato e coloro che hanno dato sostegno alla riuscita di questo evento. Ai partecipanti, ai loro tecnici e alle società di appartenenza invio il saluto più caloroso, certo che sapranno essere all’altezza dei suoi valori sportivi, morali e sociali.
Francesco Arese - Presidente Nazionale della F.I.D.A.L.

Romano Isler


Il 21 maggio 2006 avrà luogo a Moggio Udinese il Campionato Italiano Giovanile di Corsa in Montagna. L’aver ottenuto l’assegnazione è stato per noi una grande soddisfazione ed ha rappresentato il riconoscimento dei meriti che la nostra Regione ha guadagnato in tutti questi anni. Non è la prima volta che la Corsa in Montagna è protagonista di manifestazioni di alto livello in Regione. Ricordo un campionato italiano assoluto di staffetta a Tarvisio ed i Mondiali ad Arta Terme, questi ultimi solo qualche anno fa.
Ciò nulla toglie al merito che il G.A. Moggese Ermolli ha avuto nell’essere riuscita ad ottenere l’assegnazione dei Campionati Italiani Individuali Allievi e per Regioni Cadetti. L’occasione del 30° anniversario del terremoto, che aveva devastato tanta parte dell’Alto Friuli e della Carnia, porta un particolare significato alla manifestazione.
Vi sarà quindi anche l’occasione per i giovani partecipanti di vedere alcuni dei luoghi che maggiormente avevano sofferto e le eccezionali qualità delle nostre genti, capaci come nessun altro di riportare, nell’arco di trent’anni, i loro paesi all’originale bellezza architettonica.
Le premesse per un grande successo ci sono tutte. Sono sicuro che le giornate di Moggio rimarranno indelebilmente impresse nei ricordi di tutti, non solo per la parte agonistica, ma anche per tutte le manifestazioni di contorno che sono previste per l’occasione.
Un grazie particolare va, oltre che alla Società organizzatrice, al Sindaco del Comune ed all’intero Consiglio che hanno fortemente sostenuto la candidatura. Essi possono sicuramente contare sul l’entusiastico appoggio mio e dell’intero Consiglio Regionale.
Romano Isler - Presidente Regionale della F.I.D.A.L.
Marzio Strassoldo



Per il 30° anniversario del terremoto sono molte le manifestazioni e le iniziative organizzate, tra esse un posto di spicco è occupato da questo importante evento sportivo di carattere nazionale.
Credo si tratti di un modo particolare per ricordare, che, con grande sensibilità, riesce a coniugare la memoria di quei tragici eventi con la speranza nel futuro, rappresentato dai giovani atleti che si cimenteranno sui percorsi moggesi.
Infatti questa ricorrenza non deve essere solo un’occasione per riandare con il pensiero ai difficili giorni del 1976, quanto soprattutto per offrire alle nuove generazioni un esempio cui rifarsi, dei valori concreti da prendere a esempio.
Il coraggio, la dedizione, la serietà, lo spirito di sacrificio, la voglia di ricominciare, tipici delle genti friulane, sono stati i fattori che hanno consentito la ricostruzione, e sono anche i mezzi che permettono di affermarsi nello sport.
Saluto dunque con vero piacere gli atleti che prendono parte al Campionato Italiano Individuale Giovanile di Corsa in montagna, organizzato in luoghi simbolici, che invitano a riflettere e a scoprire in se stessi capacità e volontà indispensabili per raggiungere i propri obiettivi.
Marzio Strassoldo - Presidente della Provincia di Udine
Enrico Bertossi





La strategia di promozione turistica del Friuli Venezia Giulia, coordinata e integrata, che ha nello slogan “Ospiti di Gente Unica” il proprio simbolo e la propria voce, ben si accorda con questo evento sportivo che coniuga importanti risorse e rappresenta un momento di attrazione del nostro territorio.
Un plauso alla capacità degli organizzatori, un ringraziamento a tutti i volontari che partecipano attivamente all’iniziativa, agli atleti e ai collaboratori sportivi che intervengono in questa giornata.
Un saluto infine a tutti i rappresentanti delle istituzioni pubbliche che saranno presenti alla manifestazione che rinnova l’importanza, non solo turistica della nostra Regione.
Enrico Bertossi - Assessore Regionale alle Attività Produttive
Ezio de Toni

È un grande onore per il Comune di Moggio ospitare quest'anno il "Campionato Italiano Giovanile di Corsa in Montagna". L'importante evento sportivo acquista una valenza e un significato del tutto particolari, in quanto si inserisce nel quadro delle manifestazioni organizzate per il 30o anniversario del terremoto.
Ancora una volta lo Sport, attraverso l'entusiasmante testimonianza di centinaia di giovani provenienti da tutta Italia, porterà un messaggio di vita, di gioia e di speranza.
Nulla di più appropriato e costruttivo nel sottolineare come i valori della serietà, dell'impegno, della perseveranza, che nei momenti difficili del terremoto ci hanno permesso di ritrovare la forza di rialzarci e ricominciare, sono gli stessi che consentono ai nostri giovani sportivi di trovare in se stessi le risorse per superare ogni difficoltà e raggiungere le mete più ambite.
Questo significativo appuntamento sportivo, per la sua notevole valenza socioculturale e per la sua complessità, sarà motivo di forte richiamo turistico per il paese di Moggio e importante occasione di incontro per tutti gli sportivi che vi parteciperanno.
Un ringraziamento veramente sentito al "Gruppo Atletica Moggese" non solo per la magistrale organizzazione di questa giornata, ma soprattutto per l'encomiabile opera che da anni svolge con grande tenacia e competenza in favore dei giovani che si cimentano in questa severa, ma piacevole disciplina sportiva. Un plauso e un ringraziamento ai giovani atleti, ai quali diamo il "benvenuto" e auguriamo tante soddisfazioni.
Ezio de Toni- Sindaco di Moggio Udinese

Enzo De Antoni





Ho appreso con vero piacere che la FIDAL ha assegnato il Campionato Italiano Individuale Giovanile di corsa in montagna al Gruppo Atletica Moggese - A.S.D., in occasione dell'anniversario del disastroso terremoto che ha colpito il Friuli nel 1976
Certamente ricordare questi tristi momenti e nel contempo essere orgogliosi dell'avvenuta ricostruzione con una manifestazione sportiva è la scelta migliore che si potesse fare. È sicuramente un'occasione importante non solo per Moggio ma anche per tutto il Friuli e sono certo che questa gara resterà tra i ricordi più significativi dei partecipanti.
Queste manifestazioni sportive lasceranno anche a noi la dimostrazione di quanto sia importante promuovere lo sport perché la competizione, quando è fondata su sani principi di lealtà, di rispetto delle regole si realizza attraverso l'impegno di una volontà di perseveranza che ottiene risultati insperati.
Un sentito grazie a quanti saranno impegnati nell'organizzazio¬ne della manifestazione.
Enzo De Antoni - Presidente Provinciale del C.O.N.I.

Luciano Baraldo
Dal cuore delle montagne del Friuli V.G. cadute sotto il terremoto del 1976 e rinate grazie alla tenacia dei friulani ed alla solidarietà' nazionale, giunga un messaggio di amicizia a tutti i partecipanti a questo campio-nato italiano.
Ai giovani atleti auguro che il traguardo di moggio udinese sia un ulteriore stimolo per amare e praticare
l'atletica leggera per tutta la vita.
Luciano Baraldo - Consigliere nazionale della F.I.D.A.L.

Edoardo Kravanja
 
Nella ricorrenza del trentesimo anniversario del terremoto del 1976, che aveva causato grandi lutti e devastato gran parte dei paesi del Friuli, Moggio Udinese ha voluto dedicare a ricordo di questo triste evento, una manifestazione sportiva di grande prestigio nazionale.
L'esuberante entusiasmo ed il sano agonismo profuso nella competizione podistica dai giovani atleti provenienti da tutte le Regioni Italiane, rappresenta la miglior testimonianza di riconoscenza e di affetto verso le popolazioni Friulane che hanno saputo caparbiamente risollevarsi e riprendere il cammino verso la rinascita del Friuli.
La popolazione Moggese è in trepidante attesa, per accoglierVi degnamente quali graditi ospiti, per far conoscere le bellezze del nostro paese e la proverbiale ospitalità della gente Friulana.
Edoardo Kravanja - Presidente Gruppo Atletica Moggese

    Ringraziamenti
Per la prima volta nella sua storia, Moggio ospita una manifestazione sportiva a livello nazionale. L'organizzazione di questo importante avvenimento sportivo si è potuta realizzare grazie alla preziosa e determinante collaborazione di numerosi enti, associazioni, ditte, volontari ed appassionati sostenitori. Il comitato organizzatore rivolge un caloroso ringraziamento a tutti i nostri collaboratori e a tutti coloro che, con la loro presenza, onoreranno i prossimi Campionati Italiani di corsa in montagna.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu